Partita Interreligiosa per la Pace

L’evento, fortemente voluto da Papa Francesco, ha rappresentato il primo incontro di calcio interreligioso, per la promozione dei valori dello sport come fattore integrante di culture e religioni differenti e la raccolta fondi per i progetti della Fondazione P.U.P.I. Onlus e Scholas Occurrentes.

Il match, organizzato da Master Group Sport, è stato trasmesso in diretta in Italia su Rai1, con uno share del 20,6% e picchi di ascolto di oltre 6 milioni, e nel mondo in più di 51 paesi. 

LA RACCOLTI FONDI E' STATA DI €2.500.000. Il totale deriva da € 709.141 raccolti attraverso il numero solidale (SMS e chiamate), € 178.506 da biglietteria Stadio Olimpico, € 55.000 dalle aste on-line ed il restante da contributi delle aziende partner e da offerte di privati.
I fondi, come previsto, saranno destinati a finanziare i progetti dedicati ai bambini e gestiti da Scholas Occurrentes e Fondazione P.U.P.I.


Alle 22.53 del 1° settembre 2014 la prima Partita Interreligiosa per la Pace è stata interrotta da due fischi dell’arbitro – e non tre come previsto dai regolamenti del calcio – proprio per sottolineare simbolicamente che questa è una partita che non termina mai, che dobbiamo continuare, anche giocando, ognuno dalla sua posizione, ad impegnarci nei confronti della pace, promuovendo il dialogo e la cultura dell’incontro
Le due entità organizzative, in qualità di istituzioni predisposte alla comunicazione aperta e trasparente, credono che la peculiarità delle attività sviluppate renda necessaria la comunicazione dei risultati; abbinando alcuni indicatori significativi, intendono fornire una descrizione degli obiettivi raggiunti e della qualità dell’evento realizzato, operando all’insegna della massima trasparenza, un impegno che l’organizzazione considera dovuto ai tanti protagonisti della serata: i partner, il pubblico e le tantissime persone che hanno contribuito al raggiungimento di questo primo fantastico risultato.
 

HIGHLIGHTS tv, media, spettatori

  • 51 Paesi collegati in diretta televisiva
  • 187 Testate giornalistiche accreditate da tutto il mondo
  • 480 Professionisti dell’informazione: giornalisti, fotografi, operatori multimediali
  • 4.996.758 Telespettatori su Rai1 – Record di audience per fascia oraria (Picco d’Ascolto di 6.450.921 alle ore 21:03)
  • 20,74% Share (Picco di Share 25,56% alle 21:03)
  • >15 Milioni Contatti televisivi in Italia
  • 24% Telespettatori fascia età 8/14 anni
  • 424.000 SMS Solidali
  • 18.000 Spettatori presenti allo Stadio (13.745 paganti)

ATTIVITA’ SUI SOCIAL NETWORK

Facebook *

  • 1.9 milioni Visualizzazioni dei contenuti della pagina FB
  • 120.000 “Mi piace” ricevuti dai contenuti pubblicati sulla pagina ufficiale
  • 7.500 Condivisioni dei contenuti
  • 6.000 Commenti ai post pubblicati
  • 21.0000 Fan della pagina ufficiale dell’evento

*DATI RIFERITI AL GIORNO DELL’EVENTO (1.09.2014)

Twitter**

Nel corso della partita, i due hashtag ufficiali sono stati primo e secondo trend topic in Italia

  • 1.8 milioni Visualizzazioni del profilo
  • 61.700 tweet #partitaperlapace
  • 15.000 tweet #matchforpeace
  • 8.175 Retweet
  • 8.342 Fav

**DATI RIFERITI AL PERIODO 29 AGOSTO – 3 SETTEMBRE

IL MANIFESTO PER LA PACE

Durante l’evento e alla fine della partita, i 56 protagonisti sul campo – tra i migliori giocatori e allenatori al mondo – si sono impegnati a promuovere la fratellanza tra i popoli, apponendo la propria firma al Manifesto per la Pace, una dichiarazione di intenti condivisa con altre realtà sociali: religiosi, artisti, giornalisti, arbitri, etc.

La lettura del Manifesto per la Pace ha rappresentato un momento cruciale della storica notte di Roma: scritto in diverse lingue, è stato letto da cinque giocatori di diversa nazionalità e religione scelti tra gli atleti riuniti al centro del campo in segno di fratellanza e incontro. Campioni di religione, cultura e lingua diverse si sono alternati nell’esposizione: Zanetti in italiano, Eto’o in francese, Dudu Aouate in ebraico, Shevchenko in ucraino, Muntari in inglese e Baggio in italiano, per concludere con Javier Zanetti che in castigliano ha invitato tutti i presenti a “Gridare il clamore per la Pace”, ripetendo le parole di Papa Francesco, ispiratore della Partita per la Pace.

 

 

Galleria